.
Annunci online

ladymercury
Loveless land of a crazy, loveless gipsy princess.
1 ottobre 2012
On air- Wonderlust king

But I'm a wonderlust king, I stay on the run, Let me out, let me be gone.

 

Cambiare continuamente orizzonti, cercarne sempre di nuovi, partire all'avventura, sempre e comunque, per continuare a meravigliarsi, per scoprire che per ogni domanda che inizia con "E se..." ci sono milioni di opzioni che mai avresti preso in considerazione, se non ci fosse stato il cielo di un luogo fino ad allora sconosciuto a sussurrarti una risposta che non ti saresti mai aspettato.

Immaginarsi un futuro sotto un cielo sempre diverso, cercarlo ovunque,ritrovarsi un giorno a sentirsi pronti a rimettere in scatoloni preparati con cura sei anni di vita scanditi da notti infinite in riva al mare aspettando l'arrivo della bora pronta a spazzare via tutto. Capire, finalmente, che la decadenza asburgica di questa città non può essere la risposta a tutte le domande, capire che il futuro, il resto della vita, inizia fuori dai suoi confini.

Sentirsi finalmente pronti, e, allo stesso tempo, sapere che abbandonare questa città vuol dire soltanto fare un gigantesco passo indietro nella ricerca di quell'equilibrio, sia pur minimo, che cerco disperatamente. 

Capire che andarsene vuol dire soltanto aggiungere un altro immenso difetto alla lista, già lunghissima, dei motivi per cui qualsiasi "what if",qualsiasi tentativo di rivalutare la tanto vituperata abitudine resterà, ancora per molto, poco più di un esempio di puro sillogismo aristotelico. Un puro esercizio speculativo fallace già in partenza. 

I've travelled the world, looking for lovers of the ultimate beauty but I've never settled in. 

Il baffuto ucraino, su questo, ha assolutamente ragione, perché è l'unica opzione plausibile per chi non sa sotto quale cielo si sveglierà tra un mese,tra due. Per chi fa anche fatica a immaginare dove potrebbe trovarsi tra un anno. Per chi passa le giornate a interrogare la mail come un aruspice, in attesa di una risposta che potrebbe portarti ovunque, o in nessun luogo. In queste condizioni, chiaramente, promettere eternità eccessivamente sopravvalutate o eterni amori è irresponsabile, e fondamentalmente, è una menzogna di cui si è anche troppo consapevoli. 

Non c'è tempo, non c'è mai abbastanza tempo per gettare basi solide, per promettersi di affrontare con stoica sopportazione chilometri, assenze fin troppo giustificabili, e atti di paziente eroismo. Queste doti sono appannaggio di storie solide come radici centenarie, non dell'incerto studiarsi, avvicinarsi, perdersi e ritrovarsi di incontri fugaci.Quando si riparte, tutto quello che resta è solo l'infinita serie di domande rimaste senza risposta, di parole non dette perché potenzialmente fraintendibili da chi, per un momento, incrocia la strada di un eterno viandante.

L'unica cosa da fare, allora, è cercare qualcuno di cui non sentire troppo la mancanza. Qualcuno che non ti preghi di restare, ma di continuare a scoprire dove potrebbe portarti l'infinito itinerario che hai intrapreso. Qualcuno che sa di essere il ricordo che ti porterai via una volta rifatti i bagagli e detto addio ad un posto. Qualcuno che non creda agli addii, ma che non si illuda futilmente che possano inevitabilmente trasformarsi in arrivederci. 

Lady Mercury

 




permalink | inviato da ladymercury il 1/10/2012 alle 12:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte





IL CANNOCCHIALE